Certificazione della parità di genere

Il 16 Marzo 2022 è entrata in vigore la norma UNI/PdR 125:2022, la prassi di riferimento che definisce le linee guida sul sistema di gestione per la parità di genere. 

 

La norma prevede l'adozione di specifici KPI inerenti alle Politiche di parità di genere nelle organizzazioni il cui obiettivo consiste nell’avviare un percorso di cambiamento culturale, superare la visione stereotipata dei ruoli e attivare i talenti femminili per stimolare la crescita socio-economica del Paese.

A tal proposito, il decreto legge semplificazione PNRR ha previsto un rafforzamento del sistema di Certificazione della parità di genere di cui all'articolo 46 bis del dlgs 198/2006, andando a modificare il codice degli appalti con modifiche al dlgs 50/2016.

 

In particolare, l'articolo 93 prevede una serie di ipotesi di riduzione dell'importo della garanzia nel caso l'azienda rispetti determinati criteri. Tra questi, viene aggiunto il possesso della certificazione per la parità di genere, che porterà alla riduzione del 30%  della cauzione provvisoria dovuta alle stazioni appaltanti dalle aziende che vogliono partecipare alla gara. 

 

Inoltre, la modifica inserisce all’articolo 95 del codice degli appalti, prevedendo la Certificazione tra i criteri premiali che le amministrazioni pubbliche dovranno inserire nei bandi.

 

Per ulteriori informazioni consultare i seguenti link:

http://store.uni.com/catalogo/uni-pdr-125-2022

https://www.dottrinalavoro.it/wp-content/uploads/2022/05/36-2022-DL-PNRR.pdf

22.06.03_ PdR 125 Parità di Genere.png